scarica l'APP gratuita

Cerca
Granita e Cremolata

Granita e cremolata

Granita e Cremolata

Da eredità araba a simbolo della gastronomia siciliana, fino alle derivazioni più interessanti: la granita è uno dei prodotti italiani più tipici dell’estate e non è da confondersi con la cremolata

Acqua, zucchero e frutta: ha una matrice semplice ma ricchissima di sfaccettature l’arte dolciaria più fredda che da secoli in Italia primeggia tra i migliori espedienti contro il solleone. Tutto ebbe inizio dallo sherbet, approdato in Sicilia insieme agli Arabi che ai tempi dominavano sull’isola, un drink freddo aromatizzato alla frutta e petali di fiori considerato l’avo dell’indiscussa matriarca di ogni prelibatezza italiana sottozero, la granita.

Allo sherbet i Siciliani unirono la neve dell’Etna, dei Nebrodi e dei Peloritani conservata nelle niviere, antesignane delle moderne celle frigorifere, perfezionando la ricetta nel XVI secolo con l’uso del pozzetto (un sistema che permetteva di tenere costantemente refrigerato il composto di ghiaccio, miele e succo di limone mentre lentamente lo si mescolava fino a raggiungere quella consistenza inconfondibile) e abbinando alla bevanda la brioche cû tuppu, eterna compagna di questa deliziosa “acqua ghiacciata” dove il cristallo di ghiaccio può essere più o meno fine, ma sempre setoso e vellutato.

La granita delle origini era al limone o all’arancia, poi giunsero le varianti alla mandorla e al pistacchio, ai gelsi, al caffè… in una sperimentazione che continua a stimolare tutt’oggi artigiani e pasticceri.

Diversa è la cremolata, dove la frutta viene prima frullata in modo grossolano, poi ghiacciata e dopo grattata in piccoli cubetti e mescolata; si percepiranno in bocca pezzi di frutta più o meno grandi, come nella ghiotta versione pugliese ai fichi. Street-food da bere, la grattachecca è invece il simbolo delle estati romane, ricavata anticamente da un unico grande blocco ghiaccio che veniva “grattato” e poi aromatizzato con sciroppi di frutta.

Altro celebre discendente dello sherbet è il nostro sorbetto, dalla grana più fine e dall’aplomb elegante, ideale nella classica e rinfrescante versione al limone per intermezzare o concludere un sontuoso pasto; apprezzato nelle corti italiane sin dal ‘500, ne fu decretato il successo in Francia proprio grazie a un italiano, Francesco Procopio dei Coltelli che nel 1686 inaugurò a Parigi il leggendario Café Procope, introducendone il consumo presso i membri dell’alta borghesia.

Infine, per gli appassionati degli after-dinner, d’estate nulla è più appagante di un tonificante frozen cocktail. Tra i più noti c’è il Daiquiri Frozen: il Daiquiri (rum, lime e zucchero) viene messo in un frullatore ad hoc con la giusta dose di ghiaccio tritato, per ottenere una spumosissima mousse. Ottimo anche nella versione alla fragola (Strawberry Daiquiri), si può sorseggiare con una certa tranquillità rimanendo sempre freddissimo.


DOLCE AMARO

“Sa carapigna”

Questo il nome di un antico sorbetto sardo che, i rari Carapigneris, preparano ancora refrigerando la miscela d’acqua, zucchero e limone nella sa carapignera, recipiente metallico inserito nel barrile di legno con ghiaccio e sale. Il ghiaccio non s’unisce al composto, ma lo raffredda donando una consistenza cremosa unica.

Granite in plastica

Sono veramente grossolani i bicchieri di plastica del mondo frozen. Non mantengono la temperatura, creano sgradevoli liquefazioni svilendo in breve texture e poesia del contenuto. La scelta dovrebbe ricadere sulle classiche coppe in vetro (ma vanno ceramiche e metalli) ancor meglio se lasciate ghiacciare

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

Ricevi gratuitamente WEEKLY ENJOY Le Guide De L’Espresso: un magazine settimanale digitale con notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca