scarica l'APP gratuita

Cerca

Imperia

Delle province liguri è senza dubbio la più occidentale, un territorio che profuma già di Francia vista la poca distanza dal confine, Imperia, o meglio, Oneglia e Porto Maurizio sono i due nuclei che danno vita a questa terra, ancora perfettamente distinti e separati dal torrente Impero.

Da Ventimiglia a Diano Marina passando per Sanremo, la cucina locale, semplice ma genuina, nasce dall’incontro tra mare e montagna, presenta infatti una gastronomia varia, capace di utilizzare ogni elemento che la natura offre. Il mare è senza dubbio l’ingrediente di maggior abbondanza in una cucina sostanzialmente priva di carne, ma che trae dai pendii rocciosi del litorale erbe aromatiche domestiche e selvatiche come: rosmarino, maggiorana, timo, salvia e borragine, molto usate per la quasi totalità dei piatti che questa terra offre. Uno spazio tutto suo, se lo guadagna il re basilico: dal sapore eccezionale è sicuramente il più amato, dalle foglie ampie e profumate è l’ingrediente base della famosa salsa verde che tutto il mondo conosce: il pesto. 

Spazio anche alla carta dei vini, ad oltre 300 metri dal mare, sulle colline, si coltiva il Pigato: vitigno molto simile al Vermentino che si differenzia per le note e profumi di erbe aromatiche, che assume durante la maturazione su terrazzi a picco sul mare. Un ottimo Pigato lo si può accompagnare a piatti saporiti a base di pesto.

Tornando alle pietanze della tradizione, primeggia la “sardenaria”, focaccia tipica del sanremese, la cui preparazione deve rispettare i requisiti sanciti da un apposito disciplinare che ne garantisce l’autenticità. L’unica vera “sardenaria”, è rigorosamente condita con polpa di pomodoro, acciughe, olive, capperi, origano e spicchi d’aglio in camicia, nient’altro che una focaccia alta, soffice e molto saporita.

Disseminata di borghi, l’intera provincia di Imperia è ricca di veri gioielli di bellezza immersi nella natura, nell’architettura e nella storia. Partendo dai redenti borghi di Apricale e Dolceacqua nell’entroterra di Camporosso, al borgo di Cervo, poco distante dalla cittadina di Diano Marina. 

imperia Imperia
Imperia

Ed è proprio nel piccolo paese di Dolceacqua che si produce l’omonimo DOC, ottenuto dal vitigno Rossese anche nella tipologia Superiore, se viene sottoposto a un invecchiamento di almeno un anno. Di colore rosso, ha un profumo lieve e fragrante, un sapore gustoso con il caratteristico retrogusto amarognolo. Tanti gli abbinamenti gastronomici con il Dolceacqua DOC che spesso lo ritroviamo accompagnato al pesce azzurro e salumi rossi (di media stagionatura), ma anche con carni bianche e verdure ripiene.

Spingendoci nell’entroterra si percorre la Via dell’Olio: piccola ma generosa, l’oliva taggiasca è capace di donare un prezioso olio che per secoli ha costituito il punto di forza nell’economia regionale, non solo, anche la pasta d’olive (ottima spalmata sul pane) e le olive taggiasche stesse in salamoia, capaci di dare un certo carattere ai piatti sia di terra che di mare, sono una prelibatezza per i palati più raffinati.

Come sempre, a conclusione di un tipico menù di questa terra, non può mancare un dolce caratterizzato dall’essenza dell’olio extra vergine: la “Stroscia di Pietrabruna”. Come per la sbrisolona mantovana, la stroscia non va tagliata ma spezzata con le mani, infatti strosciare in ligure significa spezzare, rompere.

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

In arrivo notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca