scarica l'APP gratuita

Cerca

cappelli in viaggio: Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta non è mai stata piccola dal punto di vista gastronomico. In questa decima tappa ci avventuriamo tra succulenta cacciagione e pasta ripiena.

La Valle d’Aosta è una chicca gastronomica, superba terra di confine e poliglotta non solo nel vocabolario, ma anche in cucina. Il risultato è una commistione di brillanti performance gastronomiche. Sono 3 i ristoranti a ricevere i cappelli nella provincia unica di Aosta. L’exploit di Paolo Griffa che con un punteggio di 4 cappelli su 5 e 17,50/20imi, riporta a nuova vita il Caffè Nazionale.

Qui convergono ricerca del dettaglio e slancio ludico in preparazioni pensate con minuziosa tecnica. Segue Vecchio Ristoro premiato con 2 cappelli e 16,50/20imi per l’impiego del Km0 autentico e non di facciata. Le Petit Bellevue viene insignito di 1 cappello e 15,50/20imi per la succulenta cacciagione e pasta ripiena. C’è da rivedere il percorso sull’itinerario di 5 ristoranti che certamente meritano un viaggio apposito per degustarne la cucina.

Parliamo della polenta concia e la grigliata mista de Il Balivo ad Ayas. Qui, non viene disdegnato nemmeno preparazioni a base di pesce. Si passa alle carni scandinave del Wood, Swedish and Italian Restaurant in Cervinia. Nel menu dalla renna al pesce persico con sapori della memoria tutti italiani.

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

In arrivo notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca