ASD 970X250-100

scarica l'APP gratuita

Cerca

Le buone maniere a tavola secondo “Weird Al” Yankovic

Eat It è un singolo del cantante statunitense “Weird Al” Yankovic estratto dal secondo album in carriera dell’artista. La canzone è una parodia del brano Beat It di Michael Jackson.

A tavola vincono il gusto e le buone maniere. Da lungo tempo è stato infatti confezionato un decalogo che racchiude le regole più importanti che il bon ton impone per sapersi ben comportare dinanzi ai commensali senza cadere in brutture e gaffe. Regole apparentemente semplici che esistono da Nord a Sud, non solo cultura, storia, tradizione e antropologia, ma anche formalità. In ogni momento della nostra giornata ognuno di noi dovrebbe seguire pedissequamente delle buone regole: dalla colazione al bar con i colleghi di lavoro, al pranzo vorace in autogrill fino alla cena dai suoceri.

Il pasto è momento piacevole in cui godere del buon cibo e di una buona compagnia, non dovrete pertanto sentirvi ingessati, ma una sana conoscenza delle buone maniere vi farà sempre sentire a vostro agio. In questo nuovo episodio del nostro GastROCKnomia vi raccontiamo di uno dei personaggi più controversi e al contempo irriverenti della storia del rock: “Weird Al” Yankovic, pseudonimo di Alfred Matthew Yankovic.

Weird Al oppure Weird Alnon è semplicemente un musicista ma anche one man show a tutto tondo: l’artista, oggi 64 enne, ha registrato la sua prima parodia nel 1976, ha venduto più di 12 milioni di album (a partire dal 2007), Weird Al ha registrato più di 150 brani fra parodie e canzoni originali, e ha eseguito oltre 1.000 spettacoli dal vivo. Chi di voi non ricorda la memorabile parodia della storica Smells Like Teen Spirit dei Nirvana?

Il brano di cui oggi vi raccontiamo è Eat It, singolo del cantante statunitense estratto dal secondo album “Weird Al” Yankovic in 3-D (spesso intitolato semplicemente come In 3-D). La canzone è una parodia della storica Beat It originariamente scritta e cantata da Michael Jackson. La canzone diventò il primo singolo di Weird Al a raggiungere una posizione in classifica maggiore fino all’ottobre 2006. Di cosa parla la canzone?

Di un genitore esasperato che cerca di insegnare ai suoi figli come mangiare bene. Galateo prima di ogni cosa ma anche ironia, sarcasmo e genialità nel saper confezionare un brano già scritto, riadattandolo in una chiave ironica con metriche sonore anche diverse (memorabile il finale del storico video in cui l’artista omaggia nuovamente Jackson con un finale alla “Thriller”).

Diciamo la verità, in tempi di social, di influencer e micro-influencer di strada pronti a fagocitare cibo senza criterio e senza regole, questo brano non è assolutamente un consiglio a comportarsi bene forzatamente; le buone maniere non salveranno il mondo ma almeno saranno in grado di restituire un pizzico di educazione in più. Alla prossima puntata.

weird al
Weird Al

Testo

How come you’re always such a fussy young man 
Don’t want no Captain Crunch, don’t want no Raison Bran 
Well, don’t you know that other kids are starving in Japan 
So eat it, just eat it 

Don’t want to argue, I don’t want to debate 
Don’t want to hear about what kind of food you hate 
You won’t get no dessert ‘till you clean off your plate 
So eat it 

Don’t you tell me you’re full 
Just eat it, eat it, eat it, eat it 
Get yourself an egg and beat it 
Have some more chicken, have some more pie 
It doesn’t matter if it’s boiled or fried 
Just eat it, eat it, just eat it, eat it 
Just eat it, eat it, just eat it, eat it, ooh 

Your table manners are some cryin’ shame 
You’re playin’ with your food, this ain’t some kind of game 
Now, if you starve to death, you’ll just have yourself to blame 
So eat it, just eat it 

You better listen, better do what you’re told 
You haven’t even touched your tuna casserole 
You better chow down or it’s gonna get cold 
So eat it 

I don’t care if you’re full 
Just eat it, eat it, eat it, eat it

Open up your mouth and feed it 
Have some more yogurt, have some more spam 
It doesn’t matter it it’s fresh or canned 
Just eat it, eat it, eat it, eat it 
Don’t you make me repeat it 
Have a banana, have a whole bunch 
It doesn’t matter what you had for lunch 
Just eat it, eat it, eat it, eat it 
Eat it, eat it, eat it, eat it 

Eat it, eat it, eat it, eat it 
If it’s gettin’ cold, reheat it 
Have a big dinner, have a light snack 
If you don’t like it, you can’t send it back 
Just eat it, eat it, eat it, eat it 
Get yourself an egg and beat it (oh lord) 
Have some more chicken, have some more pie 
It doesn’t matter if it’s boiled or fried 
Just eat it, eat it, eat it, eat it 
Don’t you make me repeat it (oh no) 
Have a banana, have a whole bunch 
It doesn’t matter what you had for lunch 
Just eat it, eat it, eat it, eat it

Weird Al

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

Ricevi gratuitamente WEEKLY ENJOY Le Guide De L’Espresso: un magazine settimanale digitale con notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca