scarica l'APP gratuita

Cerca
Wolfango

Le crespelle underground di casa Wolfango

Wolfango

Crespelle” è un brano dei Wolfango inserito nel primo EP della band intitolato È sempre meglio che sia un albero di mele del 2008.

Ci sono ricette nate quasi per caso e ce ne sono alcune che vivono di processi lunghi e articolati, quasi chimici. La crespella o crêpes è una ricetta antica che deriva dal latino “crispus” (arricciato) utilizzato per indicare frittate di uova molto sottili e leggere che, grazie alla veloce cottura, tendono a raggrinzire in fretta.

Secondo molti studiosi la ricetta risale addirittura al V secolo quando alcuni fedeli, in viaggio, arrivarono a Roma dalla Francia dopo un lungo ed estenuante viaggio a piedi in occasione della candelora. All’epoca, il pontefice Gelasio, ordinò ai cuochi di creare subito dei piatti caldi per nutrire i fedeli e, vista la carenza di ingredienti, con delle sole uova, vennero realizzate delle frittate rigorosamente farcite con zucchero. Solo a metà del XIX sec. la ricetta venne stravolta e dallo zucchero si passò al sale: nascono quindi le crêpes alla Suzette. L’episodio odierno di GastROCKnomia è andato a scovare un brano molto “underground” figlio della cultura indie musicale italia di metà 2000.

La band dei Wolfango vede la luce nel 1993 quando la band milanese venne scoperta da Giovanni Lindo Ferretti dei CCCP. Il gruppo è composto da Sofia Maglione alla voce, dal bassista Marco Menardi e dal batterista Bruno Dorella. Il gruppo dei Wolfango destò attenzione per l’originale proposta naif in un periodo un po’ troppo serioso dell’underground musicale italiano proponendo un rock alternativo infarcito di noise e indie rock. La ricetta dei Wolfango piace al pubblico e, nel giro di dieci anni la band confeziona tre album in studio (il disco omonimo del 1997, Stagnola del 1999 e Alza su Yeah del 2017) e due iconici EP (È sempre meglio che sia un albero di mele del 2008 e l’omonimo del 2009).

Scovando proprio all’interno delle sei canzoni che infarciscono il primo EP dei Wolfango, abbiamo rintracciato una pietra miliare. La canzone in questione omaggia, come già anticipato, delle crespelle: quarta canzone dell’EP della band meneghina.

L’EP è stato registrato in casa con un semplice Tascam 4 piste su cassetta e riversata poi su CD masterizzato, e vede un notevole cambio di stile: vengono abbandonati i ritmi incalzanti e martellanti dei precedenti lavori a favore di un rock cantautoriale pulito, dove il basso diventa lo strumento chiave del sound del gruppo. Una canzone che in pochi ricorderanno e che, oggi, ci fa enorme piacere riesumare. Da li a poco i Wolfango cessarono la loro attività ma resteranno, indelebili, canzoni che hanno scritto la storia dell’indie italiano.

In questi ultimi anni Marco si è dedicato al suo progetto solista Re Beluga con il quale ha pubblicato due album di inediti registrati su cassetta e successivamente riversati su CD. La particolarità di questo progetto è che Marco è l’unico componente del progetto, e quindi salendo sul palco con chitarra e una batteria casalinga (una valigia usata come una grancassa e una scatola di biscotti usata come rullante) è a tutti gli effetti una one man band.

Crespelle dei Wolfango

Ma quante notte insonni davanti alla televisione con un caffè nella mano e un giornale nell’altra E la sera non esco forse per protesta contro tutti quelli che la sera fanno festa

E rido a crepapelle quando faccio le crespelle E rido a crepapelle cosÏ ne faccio, ne faccio di più

E poi l’albero cresce e cresce verso il cielo e sempre meglio che sia un albero di mele. e poi le mele sono fresche se le metti in frigo ma se le metti nel forno tu hai le mele cotte E rido a crepapelle quando faccio le crespelle e rido a crepapelle cosÏ ne faccio, ne faccio di più

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

In arrivo notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca