scarica l'APP gratuita

Cerca
Le Potazzine

Le Potazzine: eccellenza vinicola al femminile

Le Potazzine

Una splendida realtà quella gestita dalla famiglia Giannetti, iconica a partire dal nome, figlio del localismo per chiamare le cinciallegre.

Le Potazzine

Siamo appena a sud di Montalcino, tuttavia, per quanto riguarda la denominazione del Brunello, ai confini del quadrante nord-ovest. Il corpo principale dell’azienda (ossia il vigneto Le Prata) è collocato a 507 metri, l’altro ettaro, invece, (vigneto La Torre) sorge vicino a Sant’Angelo in Colle, quindi nel quadrante sud-ovest, a circa 420 metri. Poco più di 5 ettari totali, dedicati ad una religione monoteistica chiamata Sangiovese (qui, come si sa, ribattezzato “Grosso”), tutti dotati di funzionale escursione termica – benefica per le vigne soprattutto in questo periodo – che danno vita ad appena 35 mila bottiglie, tuttavia esportate, con grande orgoglio, in ben 27 Paesi.

Le Potazzine è un’azienda condotta da un team tutto al femminile. Alla guida troviamo Gigliola, con le figlia Viola (che si occupa della cantina) e Sofia (incaricata dell’accoglienza e del marketing) e una serie di fidati collaboratori e collaboratrici, il cui capostipite fu l’indimenticato Giulio Gambelli, guru del Sangiovese, figura-cardine mai rimpianta abbastanza. Si respira, sia in vigna, dove vigono principi antinterventisti (e una certificazione bio mai ostentata, vissuta come buona prassi, mai come leva di marketing), sia tra le volte della splendida cantina, un clima di dedizione totale, fatta di gesti misurati e amorevoli.

Si procede con laboriose fermentazioni spontanee, seguite da altrettanto prolungati affinamenti, in botte grande di rovere, anche di 42 mesi per il Brunello DOCG, derivandone l’idea che il vero vino sia raramente un prodotto del caso. Ne escono bottiglie emblematiche, di fattura impeccabile, dotate di personalità ed eleganza, dove la materia prima conserva vigore e la croccantezza, rimanendo nel contempo straordinariamente raffinata. Per sintetizzare: l’apoteosi del Vino.

Brunello di Montalcino DOCG 2019 | 96 Euro punteggio 110 cum laude

Da un assemblaggio perfettamente dosato delle due collocazioni aziendali, la bottiglia-simbolo della sfida di sostenibilità tra vigna e cantina lanciata da Gigliola e dalle sue ragazze. Un vino dal ritmo magistrale, profumi intensi e puliti, che richiamano le more di rovo, sfumature floreali di peonia e rosa selvatica con chiusura di eucalipto e rabarbaro.

Grande equilibrio e finezza anche al palato, beva nitida e fresca, tannini eleganti e salini, con un ritorno di chinotto e basilico e chiusura sulle note dei piccoli frutti. Perfetto con zuppe, antipasti, primi e secondi classici di carne della cucina toscana e, se si vuole rischiare, con il kakuni, la pancia di maiale brasata alla giapponese.

Le Potazzine
Località Le Prata, 262, 53024 Montalcino, (SI)

Telefono: 0577 846168

Indirizzo e-mail: tenuta@lepotazzine.it

Sito web: https://www.lepotazzine.com/

LEGGI ANCHE: Luigi Tecce: tini aperti per l’Aglianico

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

In arrivo notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca