scarica l'APP gratuita

Cerca

Tradizione in poesia: la ricetta di Davide Van de Sfroos

Davide Van De Sfroos, pseudonimo di Davide Enrico Bernasconi, ha realizzato la storica “Pulenta e galena fregia” nel 1999.

Non lasciatevi ingannare dal nome, Davide Van de Sfroos non è un cantante olandese ma è nativo di Monza. Lo pseudonimo Van De Sfroos restituisce foneticamente un’espressione che in lingua lombarda significa “(essi) vanno di contrabbando”. Davide Enrico Bernasconi, all’anagrafe, è uno dei più sottili autori contemporanei della musica made in Italy: dieci album in carriera, diverse pubblicazioni da scrittore, e una costante ricerca antropologica delle origini. Musica ma anche tanto studio delle parole e una conoscenza metalinguistica sopraffina che consiste nella capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato, fanno dell’artista in questione uno degli artisti più “impegnati” del panorama musicale odierno italiano.

L’episodio di oggi vi racconta di un brano scritto nel 1999 e che appare nell’album d’esordio del cantautore intitolato Brèva e Tivàn. La canzone è “Pulenta e galena fregia” brano più ”dolcemente malinconico” del cantante, che racconta del giorno dopo il Natale in famiglia tra polenta e gallina fredda. Il tutto rigorosamente consumato in un uggioso giorno di Santo Stefano dove si mangiavano i resti del pranzo di Natale.

L’artista – attraverso il cibo – narra il senso di solitudine ma nello stesso tempo la pace, la serenità e la tranquillità in un giorno di festa e spiritualità. Santo Stefano non è solo una pausa dagli eccessi gastronomici della viglia di Natale e dal Natale stesso, ma è anche un momento in cui ognuno fa i conti con se stesso, con il proprio passato e i propri “fantasmi”.

Linguaggio, capacità di incastrare le parole, il dialetto, la ricerca socio-antropologica, messe in musica in una danzante e a tratti disillusa poetica che rende al meglio nella lingua originale (il dialetto “laghee”, lingua delle zone del lago di Como). Un brano, musicalmente parlando, che affonda le sue radici nel folk irlandese. Artista Davide Van spesso sottovaluto e mai parte del “mainstream”, con questo brano non solo utilizza il cibo come metafora esistenziale, ma riuscirà in quell’anno a diventare il caso della musica italiana. Il disco, già citato, consentì all’artista di vincere il Premio Tenco e l’onorificenza di miglior artista emergente nell’edizione di Sanremo 1999.

L’idea che la scrittura “creativa” possa essere oggetto di insegnamento continua a incontrare molte resistenze nel nostro paese: Davide Van de Sfroos ha sdoganato tutto questo, con pregevoli risultati. Questo brano è la base per tutti i musicisti in carriera, ascoltatelo e ne capirete i segreti. Successivamente, riascoltatevi mentre consumate un piatto di Pulenta e Galena Fregia, il risultato sarà meraviglioso.

davide van

Testo

Pulènta e galèna frègia
E un fantasma in söe la veranda
Barbèra cume’ petròli
E anca la löena me paar che sbanda
Cadrèga che fa frecàss
E buca vèrta che diis nagòtt
Dumà la radio sgraffigna l’aria
E i pensee fànn un gran casòtt

L’è mea vèra che nel silenzio
Dorma dumà la malincunìa
L’è mea vèra che un tuscanèll
L’è mea bòn de fa una puesìa
In questa stanza senza urelògg
Bàla la fata, bàla la stria
E in questu siit senza la lüüs
Che diis tücoos l’è duma’ l’umbrìa

Scùlta el veent che pìca la pòrta
In cràpa una nìgula e in bràsc una sporta
El diis che g’ha deent un bel regàal
Me sa che l’è el sòlito tempuraal
Scùlta i spiriti e scùlta i fulètt
Ranpèghen in söel müür e sòlten föe dei cassètt
G’hann söe i vestii de quand sèri penènn
Ne vànn e ne vègnen cun’t el büceer del vènn

E la candela la sta mai ferma
La se möev cumè la memoria
E anca el ràgn söe la balaüstra
Ricàma el quadru de la sua storia
La ragnatela di mè pensèe
La ciàpa tütt quèll che rüva scià
Ma tanti voolt la g’ha troppi böcc
E l’è tüta de rammendà

La finestra la sbàtt i all
Ma la sà che po’ mea na’ via
E i stèll g’hann la facia lüstra
Cumè i öcc de la nustalgìa
In questa stanza senza nissöen
Vàrdi luntàn e se vedi in facia
In questa stanza de un òltru tempo
I mè fantasmi i làssen la traccia

Sculta el vent che ‘l pica ‘la porta
In crapa una nigula in brasc una sporta
El dis che ga dent un bel regal
Me sa che l’é ‘l solito tempural
Sculta i spiriti, sculta i fulet ranpeghen in soel mur
E solten foe de cassett g’han soe i vesti
De quand s’eri penen ne van i ne vegnen cunt el bucer del venn

ULTIME NOTIZIE

Ultime Pillole

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

In arrivo notizie, curiosità e approfondimenti del mondo enogastronomico.

SCOPRI
LE NOSTRE GUIDE

Scarica l’app Le Guide de L’Espresso per avere tutto il mondo enogastronomico a portata di mano e scoprire i luoghi da non perdere attorno a te. 

Cerca